News dai partner esteri

piccione viaggiatore











Maggio 2019. Prosegue la costruzione del liceo di Kolowarè (Togo).
Si avvicina sempre più la possibilità per i ragazzi dell'area di Kolowarè di proseguire gli studi superiori. Con la costruzione del liceo sarà possibile proseguire gli studi superiori anche per coloro che altrimenti avrebbero rinunciato, non disponendo delle risorse necessarie per un trasferimento a Sokodè o a Tchamba, sedi di istituti superiori. Si prevede l'avvio dei primi corsi il prossimo anno scolastico!

Per approfondire leggi qui.

PHOTO 2019 04 01 11 44 35  PHOTO 2019 04 01 11 44 38  PHOTO 2019 04 01 11 44 41PHOTO 2019 04 01 11 44 45  PHOTO 2019 04 01 11 44 46  PHOTO 2019 04 01 11 44 47
PHOTO 2019 04 01 11 44 48PHOTO 2019 04 01 11 44 51PHOTO 2019 05 14 10 11 15














Kolowaré, Togo: un nuovo pozzo per la gente di Peul.

PHOTO 2019 04 01 11 41 53Da un paio d’anni i Peul di Wassarabo vengono regolarmente alla missione a chiedere la costruzione di un pozzo munito di pompa, o come diciamo qui un “forage”.
Qualche settimana fa sono tornati portando con sè 200.000 franchi, circa 300 euro: il loro contributo per realizzare i lavori. Con il denaro portano anche una faraona. Dico loro di tenere il denaro: lo daranno a coloro che costruiranno il pozzo.

Presento la domanda di realizzazione al Novara Center, che approva il progetto. Avverto quindi la ditta affinchè inizino con le prospezioni: dovranno recarsi in loco con il geofisico per cercare il punto in cui perforare in cerca d'acqua.

Una volta fissata la data di inizio lavori ne viene informato il capo villaggio di Peul, che dimostra grandissima riconoscenza: la costruzione di un pozzo nel loro territorio significa per gli abitanti del villaggio non dover più percorrere 4 chilometri per avere acqua pulita.

Il 22 marzo, giorno fissato per l'inizio dei lavori, a causa delle forti piogge i macchinari che eseguiranno la perforazione non riescono a raggiungere il villaggio: rimangono impantanate nel fango. Appena la notizia arriva al villaggio tutti si mobilitano e iniziano a tagliare rami, arbusti e foglie per deporli sulla pista: dopo tre ore e mezza di lavoro, le macchine riescono a passare e finalmente arrivano al villaggio.

Una volta installate s'inizia a scavare e solo dopo aver perforato la roccia si raggiunge la vena d'acqua abbondante e pulita, a circa 100 metri di profondità.

Ed esplode la festa!


Tratto dall'aggiornamento ricevuto il 31.03.2019 da padre Silvano Galli, missionario in Togo con SMA - Società delle Missioni Africane.

                                                                         


Approfondisci i dettagli del nostro precedente intervento nell'area di Kolowarè: la costruzione di due pozzi nei villaggi di Kokoro ed Eyom nel 2016.














Tags: albero dei sorrisi